Menu Chiudi

INTRODUZIONE ALLE BUILD

Questa guida introduce il concetto di "build" e fornisce consigli utili per padroneggiare tale aspetto del gioco. Non vogliamo in alcun modo imporre istruzioni dogmatiche. Per praticità, daremo per scontato che il lettore abbia già una buona conoscenza delle meccaniche di gioco, armi, tipi di danno, elementi e abilità presenti in Dauntless, e che si sia fatto strada quantomeno fino ai Behemoth atroci.

Cos'è una build?

Con questo termine si intende una combinazione di arma, lanterna, pezzi di armatura e celle, costruita appositamente per massimizzare l’efficienza del giocatore in un determinato stile di combattimento.

Ci sono tre informazioni basilari che devono essere sempre tenute in considerazione:

  1. In questo gioco i danni, i bonus ai danni e il colpo critico si moltiplicano a vicenda.
  2. Le abilità sono utili fino al grado +6. Aumentarle ulteriormente è un inutile spreco di spazio.
  3. Usando un’arma elementale contro un Behemoth dello stesso elemento i danni verranno ridotti di molto. Meglio cambiare arma...

Come si crea una build?

Costruendo una build da zero, conviene procedere come segue:

  1. Decidere quali meccaniche del gioco si vogliono sfruttare e quale tipo di arma usare.
  2. Cercare le abilità che meglio si abbinano o che hanno la migliore sinergia con le suddette meccaniche.
  3. Informarsi sull'equipaggiamento che contiene tali abilità: arma, pezzi di armatura, lanterna, celle.
  4. Trovare la combinazione giusta abbinando i diversi elementi del suddetto equipaggiamento, e trovare il miglior compromesso qualora non fosse possibile ottenere esattamente ciò che si vuole
  5. Ottenere, creare e potenziare tutto quello che serve.
  6. Testare la build creata per controllare che funzioni come previsto.

Il cardine di tutto è il primo punto, gli altri si sviluppano di conseguenza.

Ad esempio, in una build esclusivamente offensiva può esse opportuno investire in:

  • Danno base
  • Velocità d’attacco
  • Probabilità di colpo critico
  • Velocità di carica del contatore
  • Velocità di carica della lanterna

In una build da supporto invece, è possibile concentrarsi su:

  • Danno base del party
  • Velocità d'attacco del party
  • Probabilità di critico del party

In entrambi i casi, spesso è utile potenziare uno o più danni specifici (mirato, stordente, lacerante) per trarre vantaggio da:

  • Rottura parti
  • Interruzione
  • Stordimento
  • Ferita

Molti di questi elementi possono coesistere ed entrare in sinergia fra loro. Analizziamo un esempio pratico:

Sincronia Aetherica incrementa il danno base tramite la lanterna Drask, ed entra in sinergia con Induzione, che aumenta la velocità d’attacco (molto utile su un’arma lenta come il martello). Re del Knockout, affiancata alla mod Testa Appesantita, consente di stordire facilmente, permettendo a Sopraffazione di infliggere danni devastanti. Infine abbiamo Cacciatore Furioso, che può sempre servire, e Predatore che sarà costantemente attiva a patto di non ricevere danni.

Lo scopo di questa build è tenere il Behemoth inchiodato a terra per ucciderlo velocemente, ma funziona anche come build da supporto: Induzione aumenta la velocità di tutto il gruppo, Squarciaterra posiziona sul terreno un potenziamento per i compagni, e stordire velocemente permette agli altri Slayer di infliggere molti più danni.
In sintesi, funziona bene in solo ed esprime tutto il suo potenziale in un gruppo coordinato.

Naturalmente una build del genere va saputa giocare: la stamina dev’essere gestita con criterio dato che non sono presenti celle Mobilità. Al contempo, per sfruttare al meglio Predatore bisogna cercare di essere colpiti meno volte possibile.


Flawless, Low Life, Stamina

Le build spesso si basano su due principali stili di gioco che sfruttano la gestione dei punti vita:

  • Flawless parte dal presupposto di non ricevere danni. Labilità distintiva di queste build è senza dubbio Predatore. Per non essere colpiti bisogna schivare, quindi le abilità che sfruttano la schivata perfetta, come Furia Sfuggente, sono da preferire. Anche l’abilità unica delle armi Valomyr risulta molto utile in questo stile di gioco.
    Le build flawless sono considerate le più forti, in quanto i danni "pieni" arrivano subito, senza il bisogno di attendere che la salute venga dimezzata facendosi colpire di proposito dai Behemoth. Richiedono tuttavia un alto livello di abilità da parte del giocatore e una profonda conoscenza dei pattern d'attacco dei Behemoth.
  • Low life parte dal presupposto inverso: subire un certo numero di danni per attivare potenti abilità come Furia, Furia Selvaggia, l’abilità unica di Eco dell’Aldilà o delle armi Shrowd. Questo genere di build richiede di saper gestire i danni ricevuti. Se non si è certi di riuscire a farlo, Sangue Freddo può risultare utile per sopravvivere mantenendo la salute massima al 50%: quest'abilità premia chi gioca in maniera aggressiva rendendolo quasi immortale.

    Le armi Skarn generano uno scudo potenzialmente infinito, che può risultare molto utile per lasciarsi un margine di errore in entrambi i tipi di build.

Gestione della stamina:

A seconda dell'arma e dello stile di gioco, può risultare più o meno utile inserire abilità di tipo Mobilità. La decisione dipende molto dalla capacità di gestire il consumo di stamina.
Di recente è stata aggiunta al gioco l'abilità Adrenalina, che può essere abbinata a Tempra ed ai bonus della Maestria Slayer per sfruttare l'aumento della stamina massima generando un interessante bonus del 41,4% ai danni base.


Difesa e cura

In Dauntless, le build offensive e da supporto sono da preferire rispetto a quelle difensive o curative. Non esistono meccaniche di parata e non è possibile generare aggro a piacimento o  "tankare" i Behemoth.
Inoltre è possibile curarsi e rianimare i compagni in modo totalmente gratuito, senza contare che la tecnica della schivata perfetta rende teoricamente immortali.

Pertanto qualunque build che si concentri solo su difesa o cura è controproducente ai fini della caccia stessa, perché non sfrutta le meccaniche offerte dal gioco e ha un divario enorme in termini di danno rispetto a una build offensiva o da supporto. Servirà più tempo per rompere le parti dei mostri e la caccia durerà più a lungo diventando frustrante. Al momento non esistono Behemoth impossibili da sconfiggere senza quelli che nei classici MMO vengono classfificati come "tank" o "healer".

I Behemoth si sconfiggono colpendoli, non annoiandoli.

 

Detto questo, non c'è nulla di male ad usare abilità difensive o curative per giocare in modo più rilassato e sicuro, l’importante è che esse non vadano a sopprimere completamente l’aumento dei danni.


Elementi

Usare un’arma elementale contro un Behemoth debole a tale elemento comporta un discreto aumento ai danni inflitti (come menzionato in questa guida, fare il contrario è controproducente).

Per quanto riguarda, invece gli effetti elementali com paralisi, ustione e congelamento questi si attivano più velocemente in base al numero di colpi inflitti con quell’elemento.
In termini pratici: è molto più facile paralizzare con le lame a catena del Nayzaga piuttosto che con il martello.

In genere gli effetti elementali non vengono tenuti di conto nella costruzione di una build, ma ciò non vuol dire che siano da buttare, anzi: fa sempre piacere avere qualcuno in gruppo che può paralizzare il Behemoth, e dà ancora più soddisfazione uccidere il mostro con il fuoco mentre questo sta fuggendo.


Abilità: consigli utili

  • Energizzato è del tutto inutile su martello e pistola: il primo dispone di proiettili caricati a mano, la seconda non ha alcun contatore e la sua l’abilità speciale si ricarica nel tempo.
  • Corrosione permette sì di infliggere danni laceranti con armi che di base non possono farlo, ma ciò va a discapito dei danni mirati. Se l’obiettivo è rompere pezzi conviene usare un’altra strategia.
  • Re del Knockout è inutile su pistole e lame a catena, poiché aumenta in percentuale un tipo di danno che di base non è presente su queste armi.
  • Ogni abilità che “aumenta i danni” senza specificare meglio, influisce sul danno base: aumentando quindi tutti i tipi di danno.
  • Ogni abilità che "aggiunge X danni per colpo” ha un risultato accettabile sulle armi veloci, ma si rivela pressoché inutile su quelle più lente, che preferiscono un aumento percentuale.

Considerazioni finali

Abbiamo mostrato solo celle +3 ed equipaggiamento +10, ma è possibile creare build efficienti anche a livelli più bassi. Forse in questo momento avete solo qualche armatura o arma a +6, e disponete di poche celle viola, ma ecco il punto: molte abilità fanno la differenza anche a +4 o +5, alcune addirittura assolvono il loro scopo principale a +3 (come Corrosione). Inoltre, il gioco è decisamente generoso nel ricompensarvi con nuclei da aprire, e il Mediatore offre la possibilità di fondere, trasformare ed acquistare celle per ottenere facilmente quelle che vi interessano maggiormente.

Riassumendo:

  1. Per creare una build bisogna decidere quali meccaniche del gioco si vogliono sfruttare, e trovare la combinazione di equipaggiamento giusta per massimizzare l’effetto di tali meccaniche.
  2. Molte abilità dipendono dall’arma: una volta deciso quale usare, è su queste basi che andrà costruita la vostra build.

Detto questo, non è possibile elencare tutte le abilità, armi e armature migliori e peggiori; questo perché ogni aggiornamento può cambiare le carte in tavola.
Basterà leggere attentamente le descrizioni fornite dal gioco, sperimentare il più possibile e non avere paura a chiedere consiglio ai giocatori più esperti.

Cacciare in solitaria alla lunga diventa noioso, ma permette di rendersi conto più facilmente se la build che si sta usando è funzionale se si è in grado di usarla.
È inutile cercare su Reddit una build meta per le pistole, per poi sparare al Behemoth da 200 metri di dstanza infliggendo 3 danni per colpo.